top left image
top right image
bottom left image
bottom right image
In questa pagina cercheremo di rispondere alle domande più frequenti. Se avete delle domande di carattere generale scriveteci
(
nutrizionista@nutrizionista-trieste.it ) e cercheremo di rispondere su questa pagina.

  • Chi può prescrivere una dieta?
Le uniche professioni che possono prescrivere una dieta, in base alle vigenti normative, sono il medico ed il biologo (1-2-3-4).

  • Un personal trainer od un estetista possono elaborare un piano nutrizionale?
No. Dal punto di vista legale l’elaborazione di un piano nutrizionale senza averne i titoli potrebbe costituire abuso di professione sanitaria e come tale potrebbe essere perseguibile. Dal punto di vista sanitario una dieta elaborata da una persona senza le dovute competenze potrebbe portare a gravi conseguenze, poiché regimi alimentari scorretti (ad esempio a contenuto calorico troppo ridotto oppure sbilanciate da un punto di vista nutrizionale) potrebbero essere causa dell’insorgenza di nuove patologie oppure essere causa del peggioramento di patologie preesistenti.

  • Un farmacista può prescrivere o elaborare una dieta?
No. Il fatto è stato specificato dal Ministero della Salute ed è stato di recente ribadito anche dalla Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani (4-5).

  • Quali sono le competenze di un Dietista?
Il Dietista è un professionista sanitario in possesso di laurea triennale (facoltà di medicina) che organizza e coordina le attività specifiche relative all'alimentazione in generale e alla dietetica in particolare; collabora con gli organi preposti alla tutela dell'aspetto igienico-sanitario del servizio di alimentazione; elabora, formula ed attua le diete prescritte dal medico o dal biologo e ne controlla l'accettabilità da parte del paziente (6).

  • Che titoli deve avere un nutrizionista per esercitare?
E’ necessaria l’iscrizione all’Ordine Nazionale dei Biologi, nella Sezione A. Per potersi iscrivere all’Ordine Nazionale dei Biologi (sez. A) bisogna essere in possesso di una laurea quinquennale nelle materie afferenti all’area biologica selezionate dal ministero ed aver superato l’Esame di Stato che fornisce l’abilitazione alla professione di Biologo.

  • E’ possibile riutilizzare una dieta già prescritta diversi anni fa? E la dieta che è stata prescritta ad un amico/amica?
Non è consigliabile riutilizzare una vecchia dieta: un piano nutrizionale adeguato, redatto da un professionista, è tarato per la condizione “attuale”. Lo stesso piano potrebbe non essere adeguato in un altro momento, poiché le necessità nutrizionali potrebbero essere diverse. La dieta elaborata per un’altra persona andrebbe assolutamente evitata: le esigenze nutrizionali di un’altra persona possono essere diametralmente opposte alle nostre e si correrebbe il rischio di ottenere più danni che benefici.

  • Devo perdere qualche chilo ed ho trovato una bella dieta su una rivista che promette di farmi perdere 7 chili in un mese: devo fidarmi?
Le diete miracolose vanno sempre evitate (i miracoli non esistono, almeno nel campo del dimagrimento) perché spesso nascondono regimi alimentari dannosi o, peggio ancora, sostanze illecite. Le diete proposte sulle riviste andrebbero sempre valutate con attenzione ed un pizzico di sospetto, dato che non sono tarate sulle reali esigenze individuali ma su un individuo ideale, in ottima salute. Il consiglio è sempre di consultare un esperto, come un Biologo Nutrizionista oppure un medico.

  • E’ possibile ottenere una consulenza ed un piano nutrizionale a distanza?
No. L’elaborazione di un piano nutrizionale prevede l’esecuzione preventiva di una anamnesi completa e l’esecuzione di una serie di misurazioni antropometriche. Questo rende impossibile la redazione di un piano alimentare a distanza. Questa posizione è stata ribadita ed ufficializzata dall’Ordine Nazionale dei Biologi che l’ha inserita nelle Linee Guida per la professione di Biologo Nutrizionista (7).

  • Le ricevute sanitarie che rilascia il Biologo Nutrizionista sono detraibili fiscalmente?
Si. Le ricevute sanitarie rilasciate dal Biologo Nutrizionista sono detraibili fiscalmente, come specificato chiaramente dall’Agenzia delle Entrate nella sua Circolare n°11 del 22/05/14 che recita: “In considerazione dei chiarimenti forniti dal Ministero della Salute, si ritiene che le spese sostenute per visite nutrizionali, con conseguente rilascio di diete alimentari personalizzate, eseguite da biologi, siano detraibili ai sensi dell’art. 15, comma 1, lett. c), del TUIR. AiAi fini della detrazione, dal documento di certificazione del corrispettivo rilasciato dal biologo dovranno risultare la specifica attività professionale e la descrizione della prestazione sanitaria resa, mentre non è necessaria la prescrizione medica, analogamente a quanto specificato con la circolare n. 19/E del 2012, par. 2.2.” (8)
  • E’ accettato il pagamento elettronico?
Si, in aderenza al DL 179/2012 è accettato il pagamento con carte di credito e con carte di debito sui seguenti circuiti: Visa, Mastercard, V-Pay e Maestro. La transazione viene effettuata tramite il dispositivo POS Chip&PIN offerto da Payleven. Per saperne di più sui sistemi di sicurezza impiegati basta seguire il banner Payleven posto a fondo pagina.


  • Ci sono convenzioni attive?
Si, al momento è attiva una convenzione con il circuito AmicaCard. Lo sconto minimo garantito ai possessori è del 10% sulle tariffe esposte.




Bibliografia:

1) Legge 24/5/67 n° 396

2)
DM 22/7/93 n° 362 - allegati: tabella G

3)
Parere del Consiglio Superiore di Sanità del 15/12/2009

4)
Nota del Ministero della Salute del 17 Luglio 2003

5)
Circolare FOFI 7133 del 2/04/08

6)
DM 2/4/01 MIUR – G.U. n.128 del 5/6/2001 all.3,classe 3 - citato su http://www.onb.it/

7)
Biologi Italiani - Ottobre 2009

8)
Circolare dell’Agenzia delle Entrate, del 22 Maggio 2014, n° 11 (punto 2.2, pag 11-12)








Convenzionato Amica Card